Menu

Rubaldo Merello

Rubaldo Merello e l’attrazione del paesaggio tra divisionismo e simbolismo
Segantini, Previati, Nomellini, Pellizza
5 ottobre 2017 – 4 febbraio 2018

 

La mostra ripercorre la complessa e articolata esperienza artistica di Rubaldo Merello, uno dei maggiori pittori liguri del Novecento, alla luce di una nuova sensibilità critica. Se infatti una rilettura della sua opera era già stata avviata negli anni Settanta riconoscendone il risalto nazionale, la mostra di Palazzo Ducale intende far luce anche sul contesto storico in cui Merello si formò e all’interno del quale riuscì ad emergere.
Se da un lato infatti il confronto con i maggiori artisti dell’epoca, come Segantini, Previati, Pellizza da Volpedo e Nomellini permette di collocare le ricerche di Merello nell’ambito generale del Divisionismo, una più approfondita lettura critica consente dall’altro di individuarne una cifra del tutto originale, più introspettiva ed intima, legata al radicale e prolungato isolamento dell’artista prima a Ruta di Camogli, poi a San Fruttuoso e Portofino.
Lì, nel suo personale microcosmo, egli trovò la concentrazione necessaria per una totale immersione nell’arte, e il paesaggio che costantemente ricompose nelle sue tele si trasformò ben presto nella rappresentazione di un più profondo paesaggio interiore. Sono chiare in questo senso le suggestioni simboliste e post-impressioniste, nonché le inquietudini estetiche della cultura fauve, all’epoca appena agli esordi.
La straordinaria vicenda artistica e umana di Rubaldo Merello non può pertanto essere ridotta a un fenomeno di carattere locale, e la mostra di Palazzo Ducale, illustrando anche la sua attività di scultore e disegnatore, intende riconoscerne tutta l’importanza all’interno del Novecento.
 
A cura di Matteo Fochessati e Gianni Franzone


Sottoporticato
Palazzo Ducale
piazza Matteotti, 9
16123 Genova

I visitatori sono tenuti a lasciare all’ingresso delle zone espositive bagagli e a depositare negli appositi armadietti borse voluminose e zaini.
Negli spazi espositivi e congressuali è inoltre vietato:
- introdurre animali, ad eccezione di quelli utili per accompagnare le persone disabili, e qualunque oggetto che per le sue caratteristiche possa rappresentare un rischio per la sicurezza delle persone, dell’edificio, delle strutture;
- effettuare riprese fotografiche e audiovisive non autorizzate o in deroga con le norme esposte alla biglietteria;
- fumare in tutti i locali della Fondazione;
- usare il cellulare all’interno degli spazi espositivi;
- consumare cibi e bevande.
Altri divieti possono essere imposti in biglietteria o direttamente nelle zone espositive per ragioni di sicurezza
L’intera carta dei Servizi di Palazzo Ducale è consultabile qui

Email this to someoneShare on LinkedInShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestPrint this pageTweet about this on Twitter




Può interessarti anche ...