Menu

liguria3

Alla riscoperta della Liguria

dal 12 al 18 gennaio 2015

Una Liguria diversa da quella raccontata in questi giorni dalle cronache di tutti i quotidiani e i telegiornali. Una Liguria che vuole tornare a essere quella di sempre e che per questo si mette in mostra, con i suoi volti più belli, per chiedere all’Italia e al mondo di «raccontarla» con 200 scatti. È l’iniziativa dell’Associazione artistico-culturale «Liguria nel cuore», che per l’inizio dell’anno ha organizzato una doppia esposizione fotografica da cento immagini ciascuna, prima nell’atrio di Palazzo Ducale (12-18 gennaio 2015), poi nella sala espositiva della Regione Liguria (24-31 gennaio). «Alla riscoperta della Liguria», questo il titolo dell’evento, è però soprattutto una mostra fatta da chi vede la Liguria dall’esterno, una esposizione i cui curatori sono tutti coloro che vorranno partecipare su facebook alla selezione degli scatti più belli e significativi, scegliendoli all’interno di tre album (per oltre 3000 fotografie) che si trovano sulla pagina di “Liguria nel cuore”. La scelta definitiva delle 200 opere d’arte, perché tali sono, in grado di presentare la regione sarà fatta a colpi di like: le più cliccate troveranno spazio nella mostra.
«Il nostro sito ne ha pubblicato una selezione – sottolinea Aleksandra Matikj, presidente e fondatrice dell’Associazione artistico-culturale, che svela anche una seconda finalità dell’evento-. L’intero ricavato della vendita degli scatti verrà pubblicamente devoluto ai piccoli ricoverati dell’ospedale pediatrico Gaslini e alle popolazioni colpite dall’alluvione in Liguria tramite un’asta di beneficenza, organizzata dopo la mostra». Un’iniziativa che ha raccolto subito l’adesione della Regione, del Comune e della Fondazione Palazzo Ducale e che serve soprattutto per ricordare al mondo quale sia il vero volto di una Regione, che non si può cancellare con un’alluvione.

Porticato


Email this to someoneShare on LinkedInShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestPrint this pageTweet about this on Twitter




Può interessarti anche ...