Menu
» 2010, Dogana, Mostre, Mostre - Archivio, Mostre 2010 » Dogana – City Voice

Dogana – City Voice

logohome

City Voice

20 -24 novembre 2010
Sala Dogana

Inaugurazione 20 novembre ore 17

Installazione ideata da Splace, in cui la voce di Genova, matassa di suoni e rumori, viene sezionata e riordinata attraverso colorate geometrie generate da cavi elettrici che trasformano l’architettura della Sala Dogana.

Il 20 novembre sono in programma eventi collaterali a partire dalle ore 16.30.

Le voci di Genova riaprono la Sala Dogana
Con City Voice riparte l’iniziativa Dogana. Giovani idee in transito, grazie al quale nella Sala Dogana a Palazzo Ducale nasce un centro interdisciplinare dedicato alla creatività giovane.
Nata da un’iniziativa dell’Assessorato Promozione della Città, Progetti Culturali e Politiche per i Giovani e Genova Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura, la Sala Dogana mette a disposizione dei giovani spazi e strumenti per la realizzazione di progetti culturali e la sperimentazione di nuove idee.
Uno spazio multidisciplinare, aperto a tutti i linguaggi artistici per sviluppare la creatività e il talento dei giovani, un punto di aggregazione per lo scambio di esperienze e informazioni e la creazione di reti, locali, nazionali e internazionali, un luogo dove l’arte e la città si incontrano per favorire la coesione sociale e la promozione della cultura giovane.
La Sala Dogana è aperta alle associazioni culturali, agli artisti, ai gruppi che hanno necessità di un posto per sviluppare i propri progetti, esporre le proprie creazioni, realizzare laboratori aperti al pubblico, backstage, conversazioni, progetti trasversali e di incontro tra le diverse culture dello spettacolo, creazioni tendenti alla mescolanza e alla contaminazione di più linguaggi espressivi.
Il progetto è realizzato grazie al contributo dell’Accordo di Programma Quadro, sottoscritto tra la Regione Liguria e il Dipartimento della Gioventù.
La gestione è affidata all’Area Cultura e Innovazione – Ufficio Cultura e Città del Comune di Genova e Genova Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura.
È possibile inviare i propri progetti all’indirizzo saladogana@comune.genova.it
Una commissione di esperti sceglierà le migliori per inserirle nella programma della Sala Dogana, che verrà pubblicato ogni tre mesi.
Tutte le iniziative e gli eventi della Sala Dogana sono a ingresso libero.

La voce di Genova, matassa confusa di suoni e rumori, viene sezionata, smistata e riordinata. Gli ingredienti che la compongono tornano ad essere percepibili singolarmente e vengono offerti all’ascolto dei cittadini stessi, mentre il flusso delle onde sonore prende forma invadendo lo spazio. Le colorate geometrie generate dai cavi elettrici trasformano l’architettura della sala Dogana e insieme costituiscono la metafora delle relazioni tra arte, cultura, individui e città.
Ideato da Splace, gruppo di progettazione fondato nel 2009 da cinque architetti genovesi (Andrea Bosio, Giacomo Cassinelli, Antonio Lavarello, Katia Perini e Fabio Valido) per sviluppare e sperimentare i linguaggi contemporanei in campo architettonico. Specializzati in installazioni temporanee in spazi pubblici, hanno realizzato a Genova “Splacexperience#1 – Chairs for all” e “Splacexperience#2 – Light up the space”, hanno ottenuto una menzione speciale della giuria al Festival des Architectures Vives di Montpellier con il progetto “Truthehole” e sono stati finalisti al Concours de projets pour l’animation artistique du collège de Gambach a Friburgo (Svizzera) con il progetto “300”.

Per info
www.gg6.comune.genova.it/dogana
saladogana@comune.genova.it
Sala Dogana Genova su Facebook
tel. 0105573974/5

Eventi collaterali – Piazza Matteotti, 20 novembre:

ore 16.30 Flash Mob. A cura di Francesca Induni.
Sulle note delle hit del momento, come Yello di The Race, sigla di Chiambretti Night, California Gurls di Katy Perry e il tormentone Waka Waka di Shakira, una coreografia collettiva su Piazza Matteotti per “scaldarsi” prima dell’apertura della Sala Dogana.
ore 18.00 Poetry Slam. A cura di Mirko Risso
Giovani poeti leggono le proprie opere in una competizione a suon di parole. Intervengono: Laura Accerboni, Fabio Giovinazzo, Stefano Manara, Luca Villani… e chi vuole!
ore 19.00 Live Music con i Japanese Gum. A cura di Disorder Drama
I Japanese Gum (www.japanesegum.net) sono un duo genovese Tortora nato nel 2005. Tra i pioneri in Italia del genere shoegaze, fondono diversi linguaggi musicali dando vita a un’esperienza unica, grazie anche alle proiezioni che completano la musica. Il loro ultimo lavoro è “End of summer”, pubblicato nel 2010.
Ingresso libero
In caso di pioggia il Poetry Slam si svolgerà all’interno della Sala Dogana e il Live Music si terrà nell’atrio di Palazzo Ducale alle ore 20.

Email this to someoneShare on LinkedInShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestPrint this pageTweet about this on Twitter

Tags: