Menu
» 2011, Eventi, Eventi - Archivio, Eventi 2011 » Mediterranea 2011 – Arte musica e spettacolo

Mediterranea 2011 – Arte musica e spettacolo

home

Mediterranea 2011

Mediterranea 2011.
Voci tra le sponde

arte, musica e teatro

 

<%
Server.Execute(“./codcorpo/2980.asp”)
%>
Dialogues Inévitables VII
Scali Atipici – Cotonou – Genova – Napoli – Berlino
Arte e dialogo interculturale. L’Africa tra postcolonialismo e globalizzazione
a cura dell’Associazione CQB 


7 febbraio 2012, ore 17.45

Arte e Globalizzazione

Mansour Ciss

Artista visivo senegalese residente a Berlino. Mansour Ciss si interroga
sul ruolo acquisito dagli artisti africani e dalla loro arte nel resto del mondo.
Uno spunto per l’analisi dello sguardo dell’Occidente sul continente africano.
Modera Judith Strohm, responsabile AfricAvenir/Berlino.

10 e 11 febbraio 2012, Teatro dell’Archivolto ore 21
Il mito del Dio Denaro
Danza e musica, contemporanea occidentale e tradizionale Africana,
si fondono in un nuovo linguaggio comune.
Prodotto e realizzato da: Associazione CQB (Italia), Associazione Sonagnon (Bénin), con Goethe-Institut Genua

23 febbraio 2012, Palazzo Ducale Munizioniere, ore 21
In – VISIBILI / In – VISIBLES
Testo: Thomas Guarino
Musica: Matteo Manzitti
Regia: Federica Santambrogio
Parole e musica per ricordare che un clandestino non è un atto amministrativo ma una persona.


7 – 12 febbraio 2012
Laboratoire Dèberlinisation

a cura di Mansour Ciss
apertura della mostra dedicata alla
discriminazione razziale, al difficile
processo d’integrazione dei migranti,
alle guerre della primavera araba
e all’utopia della libera circolazione
dei cittadini nel mondo.

 

Banca dell’Afro
Installazione itinerante per sostenere, in chiave simbolica, l’indipendenza
economica africana.

 

23 e 24 marzo, Teatro dell’Archivolto, ore 21
Mi chiamo Aram e sono italiano.
Storie da Synagosyty

Di Gabriele Vacis e Aram Kian Regia Gabriele Vacis
In bilico fra incanto, ironia e tragedia, Synagosyty racconta la storia dei nuovi
italiani, i figli degli immigrati: le “seconde generazioni”.

Email this to someoneShare on LinkedInShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestPrint this pageTweet about this on Twitter




Può interessarti anche ...