Menu
» 2007, Mostre - Archivio, Mostre 1992-2007, Mostre 2007 » Il drago e la fenice. Viaggio nell’universo dei simboli della tradizione cinese

Il drago e la fenice. Viaggio nell’universo dei simboli della tradizione cinese

Senza-titolo-1

dal 15 dicembre 2007 al 3 febbraio 2008

 

Mostra
Sottoporticato
Orario: tutti i giorni, escluso lunedì 10.00 | 19.00.
ingresso libero

La mostra, attraverso installazioni, immagini, oggetti e tavole di testo, presenta un itinerario nell’affascinante e complesso mondo dei simboli della tradizione cinese. Un percorso che si snoda attraverso 8 sezioni tematiche dedicate a: il ciclo del tempo; l’architettura dello spazio; la formazione del mondo e gli eroi culturali; animali, piante e motivi vegetali; animali fantistici; esseri soprannaturali e divinità guardiane; simboli, oggetti, emblemi; le stampe per il nuovo anno. Simboli dalla forte connotazione sociale e filosofica, semplici e nello stesso tempo complesse chiavi di lettura e interpretazione della tradizione popolare, dell’arte e, più in generale, della cultura cinese.


Inaugurazione: venerdì 14 dicembre 2007 ore 18.00

 




Il drago e la fenice: la Cina a Palazzo Ducale

 
È iniziato venerdì 14 dicembre il nuovo viaggio nell’universo dei simboli della tradizione cinese. La mostra ‘Il drago e la fenice’, curata dall’Istituto di Studi Orientali CELSO, sarà visitabile nel Sottoporticato di Palazzo Ducale fino al 3 febbraio 2008.
 
Dal 2006 il CELSO porta a Genova la cultura cinese attraverso mostre, installazioni, fotografie, documenti e video.
La concezione del tempo, gli esseri soprannaturali, dalle piante alla città di Pechino. Interessante l’allestimento, ordinato ed essenziale.
Il percorso pensato dai curatori Alberto de Simone ed Emanuela Patella inizia con un viaggio che va dalla creazione del tempo ai calendari cinesi; e poi le tante rappresentazioni degli animali fantastici – dal drago alla fenice, che rappresentano Yin e Yan – attraverso immagini, testi antichi e tavole.
 
E ancora la tradizione degli antenati: in mostra un collier appartenuto all’imperatrice, alcuni dipinti e un antico abito da funzionario. Una delle stanze è dedicata poi alle invenzioni dei sovrani mitici: dalla scrittura fino alla divinazione.
L’ultima sezione è divertente, colorata e decisamente più popolare: ci sono le maschere del teatro tradizionale: dall’opera di Pechino al teatro delle ombre. Ci sono la testa di un dragone e i dipinti che raffigurano i protettori del focolare e dei mestieri: ancora oggi i cinesi non rinunciano ad appendere questi quadri nella loro casa.

Email this to someoneShare on LinkedInShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestPrint this pageTweet about this on Twitter




Può interessarti anche ...