Menu
» Blog » Eduardo Souto de Moura chiude “Lezioni di Architettura”

Eduardo Souto de Moura chiude “Lezioni di Architettura”

Souto de Moura

 

Una lezione appassionata, piena di progetti e di ricordi, quella che Eduardo Souto de Moura ha portato a Palazzo Ducale per chiudere il ciclo “Lezioni di Architettura”. L’architetto portoghese, uno dei più importanti professionisti del panorama internazionale, arriva a Genova per raccontare progetti e realizzazioni, ma anche i materiali. «Durante un lavoro nel Nord-Est del Portogallo», racconta «mi ricordo che gli operai cantavano nel cantiere. Mi dissero che lo facevano perché le pietre erano “vive”, e questo è un aspetto che ho imparato io stesso. La pietra cambia colore, forma, disposizione, a seconda della stagione e delle condizioni meteorologiche».

Souto de Moura, Pritzker Prize 2011, chiude un fortunato ciclo di incontri organizzato in collaborazione con la Fondazione Ordine degli Architetti di Genova, a cura di Benedetto Besio, con Clelia Tuscano e Nicola Canessa.

 

12045621_10153657193868464_5289763157973648345_o

La cosiddetta “Scuola di Porto”, comparsa sulla scena dell’architettura internazionale a metà degli anni ’80, riunisce tre generazioni: Fernando Tavora, Alvaro Siza ed Eduardo Souto de Moura. Quest’ultimo, oggi anche Visiting Professor dell’Università di Belleville a Parigi, e degli atenei di Harvard, Dublino, Zurigo e Losanna, ha lavorato a lungo in Portogallo, ma anche in Francia, Italia e Stati Uniti.

Oltre al prestigioso Pritzker Prize, ha ricevuto nel 2001 la Medaglia d’Oro Heinrich Tessenow. I precedenti ospiti del ciclo di incontri sono stati Albert de Pineda e Kengo Kuma.  

 

Email this to someoneShare on LinkedInShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestPrint this pageTweet about this on Twitter

Tags: , , , , , , , , ,