Menu
» 2015, Dogana, Mostre, Mostre 2015 » Aracnomachia – Caos Swim

Aracnomachia – Caos Swim

aracno

11 settembre – 11 ottobre 2015
 
Dopo Palazzo Verde con l’esposizione delle migliori opere ottenute da materiali plastici di scarto prodotte dagli artisti Tvrtko Buric, Leonard Sherifi, Ordinariamministrazione e l’installazione FLIP FLOP ORGAN di MaDG Studio, prosegue con ARACNOMACHIA e CAOS SWIM il programma di esposizioni, installazioni e attività artistiche previste da REUSE [re-use] _ Azioni per il riciclo creativo della plastica.
INAUGURAZIONE e presentazione alla Stampa: venerdì 11 settembre, ore 18
Sala Dogana, Palazzo Ducale
Ingressi da piazza Matteotti e Cortile Minore
 
REUSE [re-use] si inserisce nel progetto strategico MED-3R ‘Piattaforma strategica euro mediterranea per la corretta gestione dei rifiuti’, che riunisce 15 Partner provenienti da 5 Nazioni diverse più 7 partner associati e si colloca tra le azioni pilota che coinvolgono direttamente la città di Genova. Il suo obiettivo principale è quello di sviluppare una strategia innovativa di valorizzazione dei rifiuti plastici attraverso un approccio artistico che, con la realizzazione di esposizioni, installazioni e interventi urbani, sia anche capace di innescare un impatto forte in termini di sensibilizzazione alle tematiche legate al trattamento sostenibile e al riciclo dei rifiuti.
 
ARACNOMACHIA
Installazione urbana che da Palazzo Ducale arriva a Palazzo Verde, attraverso via San Lorenzo e via Turati; ragni in materiale plastico di scarto risaliranno le facciate degli edifici e non solo.
 
Dar vita a tutto ciò che può essere riciclabile è la caratteristica che governa le opere di Labadanzky u.a.m., collettivo di giovani artisti genovesi nato nel 2011. Toccando tematiche relative all’arte relazionale e unendo lo stile tipico della street art, i Labadanzky creano opere visionarie plasmandole al territorio urbano con lo scopo di catturare l’attenzione e la curiosità del passante, interrompendo così il continuum spaziale e concettuale del tessuto cittadino. Lo stile futuristico contraddistingue le loro opere portandoli in un’altra dimensione come nel progetto “Aracnomachia”.
 
In un mondo che si abbandona completamente ai propri consumi, inaspettati e misteriosi ospiti risalgono alla luce. Un’invasione di rifiuti genera un’invasione di ragni. L’ecosistema reagisce e l’uomo combatte una situazione che egli stesso ha creato.
L’umanità riuscirà a rimediare ai propri errori, o sarà “Aracnomachia”?
 
Documentazione video/fotografica dell’ installazione su: https://www.facebook.com/LABADANzky
labadanzky.unpoliteartmachine@gmail.com
 
CAOS SWIM
Ideata e realizzata dal giovane creative designer Walter Morselli per gli spazi di Dogana, l’installazione trasforma la Sala delle colonne in un mare multicolor di sacchetti di plastica.

“Incubi di plastica che ti accerchiano la mente, verità che rincorro ogni giorno…”
Caos Swim è un’installazione artistica capace di suscitare l’emozione di disagio e soffocamento che stiamo apportando al nostro pianeta. Un percorso in cui si dovrà “nuotare” nel Caos.

::: About Walter Morselli
“Esplorare, Sperimentare e Creare, questo è il mio processo”

Walter Morselli, esteta poliedrico, definito grande esploratore del mondo, sempre alla continua ricerca del “bello”.
In lui arte e vita si mescolano creando armonia tra la natura sensuale di un individuo veramente artista e la cruda realtà.
Avendo intrapreso numerosi viaggi e vissuto in stretto contatto con la verità, è stato fortemente segnato dalla vita umana, nettamente discordante da quella descritta dai media.
In lui, il valore assoluto è l’evasione da questa società artificiale ricercando i valori fondamentali dell’essere umano.
La sua personalità, infine, viene espressa durante le Esibizioni Artistiche, dove si diverte a provocare cercando l’attenzione del pubblico per divulgare una visione differente della vita.

CAOS SWIM è realizzato con la collaborazione di:
Bertuzzi, Color Service Snc, Volta la carta, Tipografia Grafica KC e Grafiche G7

Email this to someoneShare on LinkedInShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestPrint this pageTweet about this on Twitter

Tags: